Storia



Comune di
 
 
Verano
 
 
Brianza








 
Verano Brianza è una località di origine romana; lo confermano ritrovamenti di tombe gallo-romane. Anche il toponimo è da far risalire all’antica Roma e precisamente al cognome di Antonio Marco Vero. In epoche successive si modificò in Veri, Verius, Verianus, Veiranus fino ad arrivare nel 1928 quando, con Decreto regio, il paese assunse l’attuale denominazione per distinguerlo dall’omonimo comune della provincia di Bolzano.

La storia economica di Verano Brianza ha seguito le vicende e i caratteri della più ampia e nota storia Brianzola. Le attività economiche si sono sviluppate particolarmente nei settori agricolo e manifatturiero. Il primo grazie alla presenza di corsi d’acqua e grazie alle ricchezze della terra che hanno favorito in particolare la coltivazione di cereali e viti, con la massima espansione nel XV secolo.

L’attività manifatturiera, tipica veranese, prese avvio a partire dal ‘700 con lo sviluppo della bachicoltura e della gelsibachicoltura, grazie alle quali il territorio divenne presto il maggior fornitore per l’esportazione della seta lavorata. Parallelamente a queste attività, si sviluppano lungo il Lambro i mulini, sfruttati per la produzione industriale e la lavorazione della lana, il candeggio, la tintoria e la follatura.

Negli anni ‘50 la società agricola venne quindi venne quindi sostituita da quella industriale l’attività molitoria cessò di esistere. Le prime industrie che sorsero furono le filande, tessiture, manifatture e tintorie che permisero alla maggior parte della popolazione di operare in ambito industriale.

 

 

Verano Brianza è famosa per essere il paese natale di Paolo Nespoli (astronauta).Il 23 ottobre 2007 è partito con lo Space Shuttle Discovery, STS-120, in qualità di specialista di missione (missione Esperia per l'ESA). Durante la missione si è occupato del coordinamento delle attività extraveicolari ("passeggiate nello spazio") relative all'assemblaggio del Node 2 - detto anche "Harmony" - nuovo componente multi-funzionale della ISS (International Space Station) che è stato prodotto da industrie italiane.

Questo sito usa cookie di profilazione anche di terzi. Se chiudi questo avviso o prosegui a navigare acconsenti all'uso di cookie.