Comune di Verano Brianza Uncategorised

Dove Siamo

{iframe}http://maps.google.com/maps?f=q&hl=en&geocode=&q=verano+brianza&sll=37.0625,-95.677068&sspn=43.25835,79.101563&ie=UTF8&ll=45.693171,9.234095&spn=0.037416,0.077248&z=14&iwloc=addr&output=embed&s=AARTsJpU_xxhRc1H-0lbUZv3aR_kSYGjjg{/iframe}

Numeri Utili

Carabinieri 112
Carabinieri di Carate Brianza 0362900177
Soccorso pubblico di emergenza 113
Vigili del Fuoco 115
Guardia di Finanza 117
Emergenza sanitaria 118
Guardia medica 840500092
Medicina veterinaria 0632304875
Enel segnalazioni guasti 803500
AEB segnalazioni guasti 800820170

 

Centro sportivo  via D. Alighieri  0362904274
Centro Anziani  P.zza Cesana  0362901924
Scuola materna Parrocchiale  via Massarani  0362805417
Scuola Elementare  via S. Giuseppe  0362903319
Scuole Media  via A. Grandi  0362905232
Parrocchia Ss. Nazaro e Celso  P.zza Schuster  0362901305
Ufficio Postale  via Pio XII  0362900367
Farmacia Dott. Bellotti  via Preda  0362903818
Farmacia Dott. Segreti  via A. Grandi  0362902839
ASL 3 Distretto Carate B.za  via Mascherpa  0362826433
     

 

OSPEDALI
Ospedale civile Vittorio Emanuele III via Mosè Bianchi, 9 Carate Brianza Tel. 03629841
Ospedale San Gerardo via Donizetti, 106 Monza Tel. 0392331
Ospedale Borella via Milano, 65 Giussano Tel. 03623851
Ospedale di Circolo Piazza Benefattori, 1 Desio Tel. 03623831
Ospedale Trabattoni Ronzoni via Verdi 2 Seregno Tel. 03625400
Ospedale civile via C. Battisti 23 Vimercate Tel. 03966541

 

AEB - via Dispersi in Guerra - Giussano - 0362850584

Apertura al pubblico: lun e mer dalle 9.00 alle 12.00 ven dalle 14.00 alle 17.00

Sito internet: www.aebonline.it

Incarichi Esterni

Elenco consulenze/incarichi conferiti a soggetti privati dal Comune di Verano Brianza ai sensi dell'art.53 del D.Lgs 165/2001 ed ai sensi dell’art. 3 commi 18 e 54 della L. 24.12.2007 n.244.

Anno 2008: Incarichi

Anno 2008: Compensi erogati incarichi

Anno 2009: Incarichi

Anno 2009: Compensi erogati incarichi

Anno 2010: Incarichi

Anno 2010: Compensi erogati incarichi

Anno 2011: Incarichi

Anno 2011: Compensi erogati incarichi

Anno 2012: Incarichi

Anno 2012: Compensi erogati incarichi

Anno 2013: Incarichi

Anno 2013: Compensi erogati incarichi

 

Società Partecipate

Ai sensi dell'art.1, comma 735, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 "Legge Finanziaria 2007" vengono riepilogati in calce gli incarichi di amministratore delle società partecipate di cui è socio il Comune di Verano Brianza e i relativi compensi.

Anno 2008

Anno 2009: I° semestre  -  II° semestre

Anno 2010: I° semestre  -  II° semestre         

Anno 2011: I° semestre  -  II° semestre

Anno 2012: I° semestre  -  II° semestre

Anno 2013: I° semestre  -  II° semestre

Orari Uffici Comunali

Orari di apertura UFFICIO ECOLOGIA E PATRIMONIO:

GiornoMattinoPomeriggio
Martedì 09.00-12.30  
Giovedì 09.00-12.30  


Orari di apertura UFFICIO EDILIZIA PRIVATA:

GiornoMattinoPomeriggio
Lunedì (previo appuntamento)
  16.00-19.00
Martedì 09.00-12.30  
Giovedì 09.00-12.30  
     


Orari di apertura UFFICIO LAVORI PUBBLICI:

GiornoMattinoPomeriggio
Martedì 09.00-12.30  
Giovedì 09.00-12.30  


Orari di apertura UFFICIO POLIZIA LOCALE:

GiornoMattinoPomeriggio
Lunedì 09.00-12.15 15.00-17.00
Martedì 09.00-12.15  
Mercoledì 09.00-12.15  
Giovedì 09.00-12.15  
Venerdì 09.00-12.15  
     


Orari di apertura UFFICIO RAGIONERIA-ECONOMATO-PERSONALE:

GiornoMattinoPomeriggio
Lunedì 08.30-12.30 16.00-19.00
Martedì 08.30-12.30  
Mercoledì 08.30-12.30  
Giovedì 08.30-12.30  
Venerdì 08.30-12.30  
     


Orari di apertura UFFICIO SEGRETERIA:

GiornoMattinoPomeriggio
Lunedì 08.30-12.30 16.00-19.00
Martedì 08.30-12.30  
Mercoledì 08.30-12.30  
Giovedì 08.30-12.30  
Venerdì 08.30-12.30  
     


Orari di apertura UFFICIO SERVIZI DEMOGRAFICI:

GiornoMattinoPomeriggio
Lunedì 08.30-12.30 16.00-19.00
Martedì 08.30-12.30  
Mercoledì 08.30-12.30  
Giovedì 08.30-12.30  
Venerdì 08.30-12.30  
Sabato 09.00-12.00 solo stato civile


Orari di apertura UFFICIO SERVIZI SOCIALI (sede Via Donatori di Sangue):

GiornoMattinoPomeriggio
Lunedì 08.30-12.30  
Martedì 08.30-12.30  
Mercoledì 08.30-12.30  
Giovedì 08.30-12.30  
Venerdì 08.30-12.30  
     


Orari di apertura UFFICIO TRIBUTI:

GiornoMattinoPomeriggio
Lunedì 08.30-12.30  16.00-19.00
Martedì 08.30-12.30  
Mercoledì 08.30-12.30  
Giovedì 08.30-12.30  
Venerdì 08.30-12.30  
     

Il Servizio Asilo Nido

castello asiloL'Asilo Nido inserisce bambini a partire dai 3 mesi di vita compiuti.
E' possibile usufruire del servizio anche con frequenza giornaliera part-time o a tempo pieno, variabili secondo le esigenze della famiglia.
Per informazioni contattare il numero 3319704939 lasciando un messaggio in segreteria telefonica o inviando un sms, indicando cognome nome e recapito telefonico, sarà nostra premura richiamare al più presto.

È un servizio rivolto alle famiglie dei bambini nella fascia di età 0-3 con la finalità di curare e supportare la crescita dei bambini e la loro autonomia.
Ciò che deve caratterizzare l’organizzazione di un asilo nido è:
-    l’intenzionalità educativa dei suoi operatori che sottrae gli interventi dallo spontaneismo e dalla casualità così come dal modelli teorici non dialettici ed astratti;
-    la relazione educatrice-bambino, nicchia dentro cui si svolge la conoscenza e lo sviluppo, che deve essere solida e sicura;
-    gli interventi devono essere individualizzati ma non esclusivi, rivolti ad ogni bambino;
-    l’atteggiamento con i genitori accogliente, in grado di far esprimere timori, facilitante un’alleanza educativa, rassicurante, attento a non sostituirsi  alla funzione genitoriale;
-    il lavoro in rete con i servizi territoriali ed extra territoriali.

L’asilo nido deve essere l’asilo per tutti, consapevole della diversità di tutti i bambini, servizio che si rivolge ad ogni bambino, persona diversa tra persona diverse.
L’esperienza che i bambini fanno all’interno di tale contesto è il canale attraverso cui conoscono ed apprendono e quindi si sviluppano: il nido quindi non come contenitore dove vengono proposte batterie di giochi, in modo meccanico e stereotipato bensì come laboratorio di creatività, espressività, corporeità.
La relazione educativa con l’educatrice permette al bambino di aprirsi alla realtà esterna e di comunicare con un atteggiamento di scambio e reciprocità. Se è vero che la comunicazione avviene là dove c’è motivazione, legame affettivo, percezione di sé e degli altri,l’organizzazione del nido dovrà articolarsi così da soddisfare tali condizioni.
 Le aree entro cui si svilupperanno le proposte saranno quindi:
-    dell’autonomia
-    dello sviluppo cognitivo
-    della socializzazione
-    affettiva/relazionale
-    corporea
-    ludica
-    delle attività
-    le routine

Le proposte quindi dovranno permettere ai bambini di integrare competenze in un percorso di crescita sereno e adeguato alla condizione di ognuno.

E' possibile chiedere copia del regolamento all'Ufficio Servizi Scolastici.

progetto asilo nido

domanda di iscrizione

Brochure Asilo

 

Il Servizio per l' Integrazione Scolastica

Nasce come risposta alle differenti e sempre più numerose necessità dei bambini nel contesto scolastico con l’obiettivo di sostenere il diritto per tutti all’istruzione ed a frequentare la scuola.
Si rivolge, con interventi concordati e programmati con il corpo docente, ai bambini disabili ed ai bambini in situazione di disagio, nella consapevolezza della necessità di interrogarsi e riorganizzarsi per poter rispondere alla complessità dei bisogni dei bambini e offrire risposte realmente adeguate alle loro necessità.
Il servizio per l’integrazione scolastica ha progettato i suoi interventi dopo una profonda riflessone sulla diversità, intesa come unicità e valore.
Le finalità di un servizio per l’integrazione sono:
-    promuovere lo sviluppo delle potenzialità e delle risorse dei bambini;
-    proporre modalità di apprendimento fruibili dai bambini con maggiori difficoltà ( per es. attraverso il fare concreto, possibilità per alcuni, necessità per altri );
-    stimolare la conoscenza e la coscienza di sé, delle proprie abilità, delle proprie unicità/differenze;
-    stimolare e supportare un atteggiamento di collaborazione e cooperazione;
-    far sì che i bambini in difficoltà non vivano uno strappo dal contesto di appartenenza, accompagnarli nell’affrontare gli aspetti carenti, senza che sia una negazione di essi, in un rinforzo costante dell’autostima;
-    prevenire processi di emarginazione e di aggravamento delle problematiche legate alla disabilità ed alle difficoltà più in generale;
-    essere presenza significativa anche nei contesti di nido e materna in un ottica di compiere un’azione consistente e precoce di prevenzione.

Gli operatori di un servizio per l’integrazione guardano al bambino con la lente della globalità del soggetto, insieme di differenti sfere; una particolare attenzione viene posta alla sfera emotivo/ relazionale, a fronte della considerazione e consapevolezza che la parte emotiva è un fattore determinante nell’apprendimento e nella socializzazione.
Il tentativo costante è quello di coniugare uno sguardo globale con la particolarità delle situazioni.
Tale Servizio deve poter divenire stimolo per una riflessione sulle difficoltà dei bambini, aspetti da non affrontare individualmente ma integrandosi con professionalità differenti.
L’istruzione, ed il diritto per tutti a viverla, va concepita con un significato più ampio, che comprenda gli aspetti della socializzazione, autonomia, comunicazione, relazione. Un’istruzione di qualità deve essere in grado di accogliere e trattare i bisogni educativi speciali che i bambini evidenziano; i tre punti di vista che dovrebbero caratterizzare un’integrazione di qualità sono  quello cognitivo, relazionale, psicologico.
Un servizio di integrazione progetta i propri interventi in sintonia con i bisogni dei bambini e portando gli stimoli dati dall’approccio della didattica speciale.
Il termine speciale non ha qui un significato di separazione bensì di piena accoglienza delle particolarità dei bambini.
Le proposte di tale servizio hanno l’obiettivo di stimolare nei bambini motivazione, risorse, conoscenza ed espressione di sé attraverso un atteggiamento di ascolto reciproco e condivisione con i pari. Tali proposte vorrebbero far conoscere ai bambini quelle parti di sé “ nascoste”, permettendo loro di entrare in relazione con le proprie ed altrui unicità/diversità.
Le strategie operative attuate sono diverse e riconducibili a due categorie:
-    la presenza in classe dell’educatore, risorsa per tutti, spendibile per tutti i bambini, in un atteggiamento di interscambio con l’insegnante di classe;
-    lavoro in gruppo, attraverso la mediazione dei pari

Un servizio per l’integrazione scolastica intende l’integrazione come un processo continuo e non come un traguardo.
Opera nell’asilo nido e nelle quattro scuole del territorio.


Convenzione con l’Istituto Comprensivo





BIBLIOGRAFIA
Ianes D., Celi F. e Cramerotti S. (2007), Piano Educativo Individualizzato - Progetto di vita (CD-ROM), Trento, Erickson.
Ianes D. (2006), La Speciale normalità, Trento, Erickson.
Ianes D. (2005), Bisogni Educativi Speciali e inclusione, Trento, Erickson

Il Servizio Mense Scolastiche

 La ristorazione scolastica si colloca in modo trasversale rispetto al servizio in cui si colloca: essa, infatti, coinvolge diversi momenti ciascuno fondamentale per l’offerta di un servizio che sappia avere cura di:

1. gli aspetti legati all’educazione alimentare ed alla sicurezza nutrizionale dove i piccoli utenti destinatari del servizio devono vivere il momento della ristorazione non in modo passivo, ma come protagonisti di scelte e comportamenti alimentari per un armonico sviluppo.

2. la sicurezza igienico-sanitaria dei prodotti alimentari attraverso il sistema HACCP (Hazard Analysis and Critical Control Points) che mira a valutare in ogni fase della produzione i possibili rischi che possono influenzare la sicurezza degli alimenti, attuando in questo modo misure preventive. Non si concentra l'attività di controllo solo sul prodotto finito, ma si opera il monitoraggio di tutta la filiera del processo di produzione e distribuzione dell'alimento individuando le fasi del processo che possono rappresentare un punto critico.

Tuttavia, l’obiettivo di una corretta ristorazione scolastica e, quindi, di una corretta alimentazione, non può essere conseguito senza un adeguato coinvolgimento di tutti gli attori interessati, ognuno secondo il proprio ruolo (Gestore del servizio, Asl, Commissione mensa ed utenti).

Tabella dietetica Scuola Primaria (estivo)  

Tabella dietetica Scuola Primaria (invernale) 

Tabella dietetica Scuola Infanzia e Sezione Primavera (estivo)

Tabella dietetica Scuola Infanzia e Sezione Primavera (invernale)

Tabella dietetica Asilo Nido (estivo)

Tabella dietetica Asilo Nido (invernale)

Regolamento commissione mensa

Linee Guida della Regione Lombardia

Richiesta Dieta Speciale

Richiesta Dieta in Bianco

Menu invernale as 2016 - 2017 (menù invernale in vigore dal 12 ottobre 2015)

Menu estivo as 2016 -2017

Manuale utilizzo sistema informatizzato pasti mensa

Sei qui: Home Uncategorised

Questo sito usa cookie di profilazione anche di terzi. Se chiudi questo avviso o prosegui a navigare acconsenti all'uso di cookie.